Vai al contenuto

RURAL FESTIVAL: (bio) diverso è bello

NEWS DALLA CONFRATERNITA

RezdoreAlta

RURAL FESTIVAL: la bellezza della biodiversità
Si è conclusa a Rivalta la I° edizione della mostra-mercato dedicata alle qualità animali e alimentari da preservare. Fra queste, anche il nostro Tortél Dóls

Un bellissimo sole di tarda estate ha accolto gli ospiti del RURAL FESTIVAL, che nelle giornate di sabato 6 e domenica 7 settembre hanno raggiunto Rivalta di Lesignano dei Bagni – piccolo borgo sulle prime colline dell’Appennino – per partecipare al grande evento dedicato alla biodiversità agricola.

Il RURAL FESTIVAL si è svolto nella tenuta di Mauro Ziveri (Rosa dell’Angelo) e sono stati coinvolti numerosi produttori del territorio, che hanno presentato con stand gastronomici le proprie specialità: dalla focaccia di frumento gentilrosso alla crostata con confettura di prugna zucchella, dall’uva termarina al prosciutto di maiale nero e molto ancora.

Un posto di assoluto privilegio è stato riservato anche alla Confraternita del Tortél Dóls, che ha portato in degustazione il famoso tortello dolce di Colorno – primo piatto in pasta fresca con ripieno di mostarda di frutti antichi, pan grattato e vin cotto. Le rezdòre presenti hanno dato dimostrazione della propria abilità nella stesura della sfoglia, incantando gli ospiti con il movimento quasi musicale delle mani, la passione delle spiegazioni e ovviamente la dolcezza dei tortelli. Un vero successo, se si considera che sono stati preparati più di 2000 assaggi. RuralFestival

"Il periodo di maturazione dei frutti che compongono la mostarda del Tortél Dóls (mele cotogne, pere nobili e zucca da mostarda, ndr) è appena cominciato, - spiega Danilo Biacchi, vicepresidente della Confraternita - perciò abbiamo dovuto fare gli straordinari per preparare ripieno e tortelli per tutti gli ospiti. Proprio per questo insistiamo sempre sul fatto che il tradizionale periodo di produzione del Tortél Dóls va da ottobre a marzo! Se abbiamo deciso di partecipare comunque al RURAL FESTIVAL è perché il nostro tortello è davvero il simbolo di quella biodiversità che la manifestazione vuole promuovere. Si è trattato di un’occasione per farlo conoscere agli appassionati di enogastronomia di tutta Italia, che un festival di questo prestigio è riuscito ad attirare”.

Al RURAL FESTIVAL hanno partecipato i grandi nomi del giornalismo italiano, a partire da Davide Paolini de Il Gastronauta – Radio 24 fino ad arrivare a Mara Nocilla della guida Gambero Rosso. Si è intrattenuto con particolare interesse allo stand della Confraternita anche Luca Sardella, noto volto tv che da molti anni si dedica alla valorizzazione del patrimonio ambientale e agroalimentare. Infine, la manifestazione è stata ampiamente documentata dalle emittenti televisive locali TRC di Modena e TeleReggio.

Leggi l'arcolo de Il Gastronauta dedicato al Rural Festival: Coltivare la biodiversità - Il Sole 24 Ore, domenica 7 settembre 2014.

Lascia un commento