Vai al contenuto

Gran Galà 2013

Locandina VI Gran GalàRitorna per la sesta edizione il Gran Galà del Tortél Dóls di Colorno, la manifestazione gastronomica culturale dedicata al goloso primo piatto dal cuore dolce, a base di mostarda di frutti antichi e vino cotto, in programma sabato 5 e domenica 6 ottobre. Un'appuntamento atteso da famiglie ed appassionati di buona cucina che quest'anno potranno degustare il raffinato tortello per ben due giorni: per la prima volta infatti il Gran Galà coinvolgerà per tutto il weekend il centro storico di Colorno con un ricco programma, contraddistinto da nomi illustri del panorama gastronomico nazionale.

La manifestazione avrà il piacere di ospitare nomi di spicco di Alma – Scuola Internazionale di Cucina, come Andrea Sinigaglia e Marino Marini; personaggi di rilievo della cucina emiliana fra cui Daniele Minarelli dell'Osteria Bottega di Bologna; Paolo Massobrio, giornalista di ventennale esperienza del settore food, direttore responsabile di Papillon, con all'attivo collaborazioni con quotidiani italiani come “La Stampa”, riviste di settore e trasmissioni televisive, oltre ad avere ricevuto importanti riconoscimenti, fra cui il premio Saint Vincent di giornalismo.

L'edizione 2013 è caratterizzata anche da una maggiore presenza dei Comuni del Comprensorio di produzione del Tortél Dóls – Colorno, Mezzani, Sissa, Trecasali e Torrile - grazie all'iniziativa “Hosterie dei Borghi” che prevede, nella giornata di domenica, l'allestimento di speciali punti ristoro nelle vie del paese, dove si potranno assaporare, oltre ai tortéj dóls, anche assaggi dei prodotti tipici locali. In un periodo di forte crisi economica come quello attuale, maggiore attenzione è inoltre rivolta ai commercianti di Colorno, a cui gli organizzatori del Gran Galà offrono una vetrina privilegiata all'interno della manifestazione, invitando tutti i negozianti a uscire dalle botteghe per esporre all'aperto i propri prodotti e creazioni.

Fra le conferme della kermesse gastronomica va segnalata l'attesa “Gara delle Rézdore” per l'incoronazione del miglior Tortél Dóls 2013 che verrà premiato con un dipinto originale del maestro colornese Antonino Pezzani. Presentatore ufficiale della Gara sarà ancora una volta Vito, al secolo Stefano Bicocchi, l'attore bolognese che da anni ha legato la sua immagine al Gran Galà. L'arduo compito di scegliere il miglior tortello spetterà invece a due giurie: quella Tecnica composta dai membri della Confraternita e quella Specialistica composta da chef, giornalisti e rappresentanti delle istituzioni.

Nel corso delle degustazioni il pubblico verrà intrattenuto dalla simpatia di Vito e da diversi interventi. Nel pomeriggio si potrà infatti assistere alla presentazione del libro “Cibo criminale”, del giornalista Rai Luca Ponzi e all'esibizione degli allievi di Alma, impegnati nella realizzazione di ricette inedite, da elaborare con l'utilizzo degli ingredienti del Tortél Dóls.

Le sorprese non finiscono però qui. Golose novità riguardano anche il menu del Ristorante in piazza Garibaldi che si arricchisce di antiche ricette del luogo. Durante le due giornate, oltre ai tortelli, saranno proposti piatti della cultura popolare come la Faraona in crosta di Creta con argilla del Po, la trippa e il pollo dorato, senza dimenticare il Culatello di Zibello Dop.

Spazio infine alla solidarietà con il laboratorio di pasticceria per bambini. Nella piccola cucina i bimbi impareranno a fare i biscotti che verranno poi venduti per raccogliere fondi a favore del Comitato Oriano per Chanel.

Il Gran Galà del Tortél Dóls è organizzato da Confraternita del Tortél Dóls in collaborazione con BI&BI Comunicazione, ristorante Al Vedel, il Comune di Colorno e il main sponsor Molino Grassi, il contributo della Camera di Commercio di Parma e della Strada del Culatello di Zibello, il patrocinio dei Comuni di Mezzani, Sissa, Torrile, Trecasali, Provincia di Parma, Regione Emilia Romagna e Slow Food Parma.

Sponsor: Cantine Ceci, Errea Sport, Ascom, Casale, Coppini Arte Olearia, Gennari concessionario Hyundai, Effegidi, Caseificio S. Salvatore, Credem, Claudio Caggiati.

Sponsor tecnico: Ikea.

 

PROGRAMMA IN BREVE

Sabato

Tante le novità del VI Gran Galà del Tortél Dóls già a partire dal sabato mattina con l'apertura del mercato alimentare di qualità e l'esposizione di artigianato, hobbistica, vintage e antiquariato nelle vie del centro. Spazio anche al folclore e alla storia del tortello con la speciale visita guidata alla casa natale della Confraternita del Tortél Dóls. I membri della Confraternita condurranno gli appassionati del tipico primo piatto alla scoperta delle sue origini con una speciale biciclettata lungo gli argini del Po. L'appuntamento è per tutti sabato alle 10 al bar Terzo Tempo di Colorno, da cui si partirà per raggiungere Sacca e visitare la casa natale della Confraternita, per la prima volta aperta al pubblico.

Il pomeriggio del sabato sarà interamente dedicato ai più piccoli con la possibilità di partecipare gratuitamente ai laboratori creativi di pittura a cura dell'associazione Eos, di giochi in legno e mais con l'associazione Babymoto e Giomais. Alle 16 spazio invece alla merenda del “Casale” per un piacevole spuntino in piazza a basa dei tradizionali pane e salume.

 

Appuntamento verdiano in Raggia

Per gli appassionati della buona musica si rinnova anche quest'anno l'appuntamento lirico gratuito in Reggia, realizzato grazie alla direzione artistica di Antonella Manotti. Alle 18 le porte del palazzo ducale si apriranno sullo spettacolo teatrale lirico “Verdi: il genio di un uomo”, un omaggio al Cigno di Busseto in occasione del Bicentenario Verdiano. Un omaggio reso ancora più importante dalla partecipazione di apprezzate voci del Teatro Regio di Parma e del Teatro alla Scala di Milano. Protagonisti dello spettacolo saranno infatti il soprano Novella Bassano, il tenore Antonio Corianò e l'attore Enzo Stasino. Al termine del corcerto un piacevole aperitivo, sempre gratuito, attenderà il pubblico nel cortile della Reggia, per poi trasferirsi in piazza per l'apertura del Ristorante del Gran Galà.

 

Domenica

Proseguono per tutta domenica le esposizioni nel centro storico di Colorno che ospiterà anche il Mercato della Terra di Slow Food. Nel corso della giornata si alterneranno i laboratori e gli intrattenimenti per i bambini, rappresentazioni dei mestieri antichi con figuranti in costume che riproporrano le tradizionali attività della vita contadina. I più piccoli potranno poi provare l'esperienza di un mini tour sull'Asino Bus, una delle novità della manifestazione. Dalle 12 si potrà scegliere di pranzare nel Ristorante del Gran Galà oppure fermarsi nelle “Hosterie dei borghi”, per degustare i tortej dols e i prodotti tipici del territorio proposti dai Comuni del Comprensorio.

La kermesse sarà anche arricchita dall'esibizione dal vivo del madonnaro Gabriele Ferrari e di pittori estemporanei. In piazza verrà invece allestito il Giardino dei Frutti Antichi del vivaio di Castelpiombino dove conoscere o acquistare piante antiche e frutti del parmense. Per tutto il giorno proseguiranno inolte le dimostrazioni di impasto delle rézdore, fino alle 15 quando è in programma l'attesa Gara per il miglior Tortél Dóls 2013.

Infine, in occasione del Gran Galà, è in programma, sempre domenica, l'inaugurazione della mostra fotografica “Verdi tra le nebbie” di Gigi Montali, allestita all'interno della Reggia.


Laboratorio di cucina e teatro di Koiné

Dopo il successo riscosso al Salano del Gusto di Torino, si rinnova la collaborazione tra Confraternita del Tortél Dóls di Colorno e la compagnia di teatro sostenibile Koiné. Domenica, nella piazza davanti alla Reggia Ducale, chi vorrà potrà apprendere i segreti per una buona pasta fresca, tirare correttamente la sfoglia, farcire i tortej dóls, partecipando alle lezioni di cucina organizzate dagli artisti di Koiné. La compagnia teatrale modenese promuove una modalità innovativa di comunicazione, ispirata dalle tradizioni e dai linguaggi dei singoli contesti che di volta in volta ospitano le rappresentazioni. Ad esempio al Gran Galà i protagonisti saranno le farine, le uova, i matterelli, ma soprattutto il pubblico che contribuirà in prima persona alla buona riuscita dello spettacolo. Un approccio interattivo per avvicinare le persone alla tradizione gastronomica locale e alla cultura culinaria dell'Emilia.